Ogni collezionista ha i sui piccoli difetti! Ecco un piccolo articolo per sorridere insieme delle "incognite" di essere collezionisti o di averne uno (o più di uno) in famiglia ...

Da che cosa si riconosce un collezionista?

Fisicamente da niente! Per fortuna! Però si sa, non appena si sfiora il suo argomento preferito, nessuno lo fermerà più! Aneddoti, fatti storici, il nostro collezionista di cose ne sa. Non smetterà di arricchire le conversazioni con numerosi dettagli per lui veramente appassionanti!!! Forse un po’ meno per gli altri …

La cosa divertente, ed è dimostrato, è che se mettete due collezionisti nella stessa stanza in mezzo a una folla di persone, si ritroveranno sempre. Anche se non collezionano le stesse cose, i nostri appassionati parlano una lingua comune che li farà incontrare con sommo piacere; discuteranno per ore dei loro oggetti e del modo di cercarli.

Altro punto in comune, esplora le fiere, i mercatini e ovviamente Delcampe (a prescindere dalla collezione, Delcampe ti riunisce!) alla ricerca dell’oggetto raro. Insaziabile, passa da una ricerca all’altra e se necessario da una collezione alla successiva. C’è da chiedersi se un giorno avrà la soddisfazione di vedere compiuto il suo lavoro. Ma la risposta la sapete già: no!

Ecco il paradosso: è fiero di ciò che ha e vuole quello che ancora non ha.

Da che cosa si riconosce la casa di un collezionista?

La prima cosa che si nota a casa di un collezionista è se ciò che lo circonda corrisponde alla sua passione. Se sì, la sua casa è fatta a sua immagine, è piena di oggetti comprati man mano, esposti con orgoglio. Talvolta, in una stessa casa, le collezioni interferiscono le une con le altre, ma siccome lo spirito è comunque sempre lo stesso, gli oggetti si rispettano!

Se invece è l’unico collezionista della casa, avrà in genere uno spazio dedicato, sempre troppo piccolo per contenere tutti i suoi tesori! Ma è il suo ritiro, il posto dove può rifugiarsi per abbandonarsi alla sua passione. Lo state cercando? Cominciate da lì! Ci sono grandi possibilità che si sia rintanato proprio in quell’angolino!!!

Il nostro collezionista è forse gravemente ammalato?

Sì! Evidentemente, gli altri fanno spesso fatica a capirlo … Ma fate attenzione, perché è contagioso. A forza di parlare della sua passione con chi gli sta vicino, il nostro collezionista tende a trasmettere la sua malattia agli altri. Peggio ancora, vuole contaminare gli altri perché è pronto a condividere le sue conoscenze e la sua esperienza!

Bisogna curarlo?

Assolutamente no! Il mondo ha bisogno di gente appassionata e anche Delcampe! Al contrario, una buona terapia di gruppo in un’associazione o un forum sarà molto utile. Ci sono milioni di collezionisti al mondo: è quindi inutile cercare di sradicare l’epidemia! Cedi alla tentazione, non immagi nemmeno il piacere che ne proverai e i begli incontri che potrai fare grazie alla tua passione!

Unisciti alla community Delcampe, che conta di più di 1,2 milioni di persone!

Héloïse

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti

  1. Bravo Héloïse !! Très bel article j’ai beaucoup aimé.
    je suis collectionneur de trains Marklin j’ai dejà acheté avec vous et toute s’est bien passé..
    Je voudrais vendre mes trains Marklin (doublons)

  2. Buon giorno colleziono materiale di Alleghe il mio paese, anche se non vi abito più . Sono quarant anni di attività. Ho una stanza tutta per me, con tutto ben suddiviso. Varie tematiche oltre le cartoline e le foto che ho fatto in bn anche stampate da me. Ho serie di libri che trattano il paese e la zona circostante, supellettili d epoca. E quadri. Questo mi dà soddisfazione quando li faccio vedere, ma bisogna continuare a cercare. Saluti Emilio