Torniamo a Maryse Hilsz e ai voli che hanno segnato la sua vita!

Questa è la terza parte dell’articolo di Gérard Collot sull’aviatore Maryse Hilsz.

La prima e la seconda parte sono a vostra disposizione in questo blog.

Ancora più successi

Il 31 agosto dello stesso anno, insieme ad altre 7 donne dell’aria, partecipò alla prima Hélène Boucher Cup e arrivò prima, coprendo la Parigi-Cannes ad una velocità media di 277 km/h. Vincerà anche la Coppa 1936 con una media oraria di 366,7 km, sulla Caudron – Renault F – ANAM.

Il 20 giugno 1935, Maryse ebbe il suo bel record di altitudine perso dall’aviatore italiano Carina Negrone con una salita a 12043 metri e non poteva rimanere com’era! Questa volta, Maryse decide di alzare il record abbastanza in alto per stare tranquilla per un po’: punta a 14000 metri! Questo significa battere allo stesso tempo il record maschile francese detenuto da Gustave Lemoine. Il 23 giugno 1936, su un Potez 50 ad ala maggiorata, equipaggiato con un motore Gnôme da 900 CV e Rhône, Maryse Hilsz alzò il record del mondo a 14310 metri, record che fu migliorato da Georges Détré, un altro grande pilota francese, il 14 agosto successivo con 14842 metri. Ma il record delle donne sugli aerei ad elica è ancora valido!

Il 19 dicembre 1936, attaccò il record di velocità su base detenuto dal 1934 da Hélène Boucher con 445 chilometri all’ora. L’aereo è un Caudron-Renault C.460. Il decollo è perfetto ma non lo vedremo mai tornare alla base d’Istres dove i cronometristi aspettano che passi. Proiettata dal suo aereo ad alta velocità per un motivo sconosciuto, Maryse, gravemente ferita, è stata salvata dal suo paracadute.

La sete di record di Maryse Hilsz non si ferma qui. Ce n’è una che vorrebbe vedere tornare in Francia: il record alla distanza in linea retta di proprietà dell’americana Amelia Earhart con 3489 km. Il 19 dicembre 1937, alle 14:20, ben guarita dall’incidente, decolla da Istres a bordo di un Caudron-Simoun verso Basra. Ma le cattive condizioni meteorologiche con un forte vento contrario aumentano considerevolmente il consumo di carburante e Maryse ritiene che il suo tentativo fallirà.

Parigi-Saïgon

Atterrata ad Alessandria la mattina del 20 dicembre, ha cambiato idea. Dal momento che questo record le sfugge, lei attaccherà il record di Parigi – Saigon detenuto da André Japy dal dicembre 1935 con l’ora ufficiale di 98h52mn. Prende il volo qualche ora dopo, riduce il numero di tappe, si riposa poco e atterra a Saigon il 23 dicembre alle 6:45, ora ufficiale di 92 ore e 31 minuti. Non c’è posta conosciuta in nessuna delle due direzioni per questo viaggio.

Dopo alcuni giorni di riposo a Saigon, decide di tornare a Parigi ancora più velocemente, in sole tre tappe: Jodhpur, Damasco e Parigi. Uno sfortunato guasto al motore in piena notte la costringe ad atterrare nel deserto del Balochistan tra Djask e Bender Abbas. Viene ritrovata solo due giorni dopo.

Il suo ultimo record prima dello scoppio della Seconda guerra mondiale è stato quello della distanza senza scalo per gli aerei di prima classe, sulla rotta Istres – Port-Etienne, 3200 km, a bordo di un Caudron-Simoun.

Impegnata nel corpo femminile dell’Aeronautica Militare Francese, morì in un incidente il 30 gennaio 1946, passeggero di un “Siebel”, catturata da una tempesta nella regione di Bourg-en-Bresse.

Riferimenti: Fiche du Ministère des Armées; Carnet des oeuvres sociales du Ministère de l’Air; Dictionnaire de l’Aviation d’Edmond Petit; Conquérantes du Ciel d’Hervé Lauwick; Femmes de l’Air de Roland Tessier.

Scopri gli oggetti legati all’aerofilatelia in vendita su Delcampe.

Scritto da Gérard Collot di CAF

Héloïse

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.