La vita di Maryse Hilsz è interamente dedicata all'aviazione. Giovane donna intrepida, ha stabilito diversi record e si è recata in Estremo Oriente. Questo è tutto ciò che serve per tenere eccitati i fan dell'aerofilatelia!

Una vita dedita all’aviazione

Marie-Antoinette Hilsz è nata a Levallois-Perret il 7 marzo 1901. Dopo aver lasciato la scuola comunale nel 1916, entrò come apprendista presso una casa di moda, ma non era molto interessata a nastri e cappelli. La sua mente è altrove. Sogna le gesta degli assi dell’aviazione, gli eroi della guerra: Guynemer, Nungesser, Fonk…

A guerra finita, si aggira per i campi d’aviazione e partecipa agli incontri. Vorrebbe ottenere la sua licenza di pilota, ma è molto costosa. Suo padre, un addetto alle pulizie a secco, è morto accidentalmente qualche anno prima e sua madre, una lavandaia con tre figli a carico, non è stata in grado di soddisfare i suoi desideri. I lanci col paracadute sono l’attrazione principale degli incontri e i pochi rari paracadutisti sono ben pagati. “Questa è una buona occasione per combinare affari e piacere”, pensa Marie-Antoinette.

Non appena compie 21 anni, Maryse, che è il suo nome, farà parte di queste squadre temerarie e parteciperà a 61 incontri. Fa 112 salti senza incidenti! Ha soltanto due piccoli imprevisti: un giorno rimane bloccata per un quarto d’ora su un tetto, e una seconda volta, sospesa dalle sue cinghie in cima ad un albero, aspetterà per due ore che qualcuno venga a sganciarla. Nel 1928, Maryse aveva finalmente abbastanza soldi per imparare a volare. Ottiene il brevetto nel 1929 e acquista subito un piccolo aereo di seconda mano costruito in Inghilterra, con il quale vola a lungo tra Parigi e le principali capitali europee, inizio della sua vera e propria carriera.

Parigi – Saïgon

Da maggio a giugno 1930 viaggia attraverso il Nord Africa e poi prepara un raid Parigi – Saigon – Parigi e confida: “Per la mia prima Parigi – Saigon e ritorno, in totale 24 000 km, ho calcolato che dovevo percorrere 7000 km dentro Parigi e nei suoi sobborghi in vari modi: Ministero dell’Aria, Servizi Tecnici, Consolati, meteo, per non parlare dei produttori e delle varie marche di benzina e petrolio!

Il 12 novembre 1930 Maryse decollò verso l’Indocina, da sola a bordo della suo nuovo Morane-Saulnier Moth 60 M F – AJOE equipaggiato con un motore da 100 CV e chiamato per l’occasione “Paris – Saigon”. Arriva a Saigon il 5 dicembre con qualche giorno di ritardo rispetto alle previsioni a causa del tempo e di una perdita nel serbatoio della benzina che le ha fatto perdere 7 giorni a Rangoon. Il viaggio di ritorno è un po’ più movimentato. Parte da Saigon il 12 dicembre, ma il 18 dicembre è costretta ad atterrare a 50 km dal Bhutan a causa della rottura di un condotto dell’olio e il 28 dicembre si rovescia sul terreno bagnato di Costantinopoli. Maryse ritorna in Francia in barca Atene – Marsiglia.

Non sappiamo di nessuna lettera trasportata da Parigi su questo primo volo Parigi-Saigon. Maryse Hilsz non aveva ancora dimostrato di essere in grado di realizzare grandi viaggi e nessun privato, aerofilatelista o commerciante, aveva avuto l’idea di affidarle qualcosa.

In India non la pensavano allo stesso modo. Un commerciante di Calcutta, Stephen Smith, realizzò un’etichetta bicolore, in gloria alla Francia e a Maryse Hilsz, che appose su 39 buste a Rangoon. Queste buste hanno una doppia affrancatura di 1 anna e i bolli in partenza CALCUTTA 24 NOV 30 e RANGOON 25 NOV 30. Queste buste sono quindi state inoltrate per il normale canale postale, tanto che appunto recano il bollo postale d’arrivo.

 

Al suo arrivo a Saigon, Maryse si affretta a inviare alcune cartoline ai suoi amici aviatori! Niente discorsi importanti, non era nel suo stile. Semplicemente: “Saigon, 5 dicembre 1930, firmato Maryse Hilsz”. Significava: “Vedi, ce l’ho fatta! “.

A seguire… Scopri gli oggetti relativi all’aerofilatelia in vendita su Delcampe.

scritto da Gérard Collot

 

Héloïse

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.