Dal momento che sono state date le prime pedalate al Tour de France, vogliamo raccontarvi le origini di questa competizione che fa tanto sognare!

Il Tour de France nel passato…

Dal momento che sono state date le prime pedalate al Tour de France, vogliamo raccontarvi le origini di questa competizione che fa tanto sognare!

 alt=La nascita del Tour de France

.
Le gare ciclistiche apparvero quasi subito dopo l’invenzione della bicicletta, già con la Parigi-Rouen nel 1869. Allo stesso tempo, il governo francese ha incoraggiato e sollecitato le competizioni sportive anche grazie alla stampa sportiva che è decollata alla fine di questo secolo.
Constatando l’aumento delle vendite in occasione di gare nazionali, i giornali sportivi focalizzati sul ciclismo e i loro inserzionisti, guidati da marchi di biciclette e auto, incoraggiano l’emergere di gare ciclistiche.

Il primo “Tour de France” ha avuto luogo nel 1903. In un primo momento, il suo obiettivo era quello di incrementare le vendite di un quotidiano chiamato “L’Auto” contro il suo principale concorrente, “Le Vélo”. Questi due giornali hanno una vecchia rivalità. Inizialmente, “Le Vélo” riuniva Pierre Giffard, il suo caporedattore, e Jules-Albert de Dion. Giffard tende ad esprimere le sue opinioni politiche nelle sue colonne, cosa che non piace ai suoi inserzionisti, in particolare a Dion-Bouton. Quando le posizioni dei due uomini nel caso Dreyfus erano in opposizione, Jules-Albert di Dion decise di lanciare il suo giornale: “L’Auto-Vélo”. Ne affidò la gestione all’ex ciclista Henri Desgrange, nel 1900.

Il nuovo giornale non ha un inizio glorioso. Sono costretti a rinominare il giornale “L’Auto” dopo aver perso una causa contro “Le Vélo” e le vendite stentano a decollare. Uno dei giornalisti presenta l’idea del “Tour de France”. Sarà la gara che aumenterà le vendite de “L’Auto”!

 alt=Il primo Tour de France

.
Il primo “Tour de France” collega le principali città francesi in sei tappe (Lione, Marsiglia, Tolosa, Tolosa, Bordeaux, Nantes e Parigi). Le vendite della rivista “L’Auto” sono più che raddoppiate. Dalla sua prima edizione, la gara ha acquisito un’importante notorietà. Il vincitore del primo “Tour de France” è il francese Maurice Garin.

L’anno successivo, Desgrange voleva ripetere l’impresa, ma dovette affrontare lo sciovinismo del pubblico, che non ha esitato a complicare la corsa per alcuni per far vincere i corridori locali (seminando chiodi sulla strada, per esempio)!

Dopo questa dolorosa esperienza, Henri Desgrange decise di modificare le regole del “Tour de France”. Aumenta il numero di tappe per garantire che i corridori non guidino più di notte, evitando così qualche contrattempo. Gli anni successivi videro l’inizio delle tappe di montagna e la popolarità della corsa (così come le vendite de “L’Auto”) continuò a crescere.

È così che è stata lanciata una delle più mitiche competizioni ciclistiche. Molti ciclisti hanno indossato o sognato di indossare la maglia gialla.

Quest’anno 2019 non fa eccezione. Non vediamo l’ora di scoprire ciò che i corridori ci promettono durante le 21 tappe previste. Che vinca il migliore!

Un tema apprezzato dai collezionisti

>.
Che si tratti di francobolli, monete, cartoline o altre collezioni, il Tour de France attira l’interesse dei collezionisti. Quest’anno, Panini lancia il suo primo album con figurine su questo tema. Come loro, scoprite gli oggetti da collezione sul tema del Tour de France in vendita su Delcampe !

 

 

Héloïse

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.