Quale filatelico non ha sognato di trovare per caso una grande rarità? Se francobolli come il Jenny rovesciato sono stati oggetto di ricerca da parte dei filatelici fin dall’emissione, non vale lo stesso per i 5 pezzi di cui stiamo per raccontarvi. Si tratta di rarità che sono state scoperte assolutamente per caso. Spesso, d’altronde, non sono quelli che li hanno scoperti ad averne tratto il beneficio maggiore. Ma grazie a loro questi francobolli o alcune lettere ormai mitiche possono fa sognare ancora oggi.

Le lettere di Bordeaux

Queste due lettere con i francobolli Post-Office di Mauritius sono oggetti rarissimi. Sono state scoperte da uno studente tra la corrispondenza dei commercianti di vino Ducau & Lurguie a Bordeaux. La prima, la più famosa, è affrancata con due francobolli di Mauritius, la seconda solo con uno dei due, il 2 centesimi blu.

La prima lettera è stata venduta dalla Maison Feldman nel 1993 al prezzo di 6.123.750 CHF. Lo studente l’aveva rivenduta nel 1903 a Th. Lemaire al prezzo di £ 1600 e aveva probabilmente pensato di fare un ottimo affare!

Il francobollo di Audrey Hepburn

Questo francobollo è stato vietato dal figlio di Audrey Hepburn, Sean Ferrer, perché la fotografia era stata modificata senza il suo consenso. Invece di un paio di occhiali da sole, la bella Audrey ha tra i denti il bocchino di una sigaretta. A causa di tale divieto, sono stati distrutti 14 milioni di francobolli. Ma oggi sappiamo che 5 di questi sono sfuggiti alla distruzione.

Il primo è stato ritrovato da un postino filatelico tedesco, che si faceva regalare le buste da un’azienda per recuperarne i francobolli. Che sorpresa ebbe quando scoprì uno dei famosi francobolli di Audrey Hepburn! L’ha rivenduto con l’aiuto della casa d’aste Feldman al prezzo di € 58.000!

Il One Cent Magenta

Eh sì, anche il francobollo più caro del mondo è passato dalle mani di un ragazzo. L’ha trovato in soffitta nel 1873, incollato su una lettera del 1856. Il francobollo era rovinato: gli angoli sono tagliati e ha subito altri danni quando il ragazzo l’ha staccato dalla carta. Lo vendette alla modica cifra di 6 scellini a un collezionista di nome MacKinnon, nel 1873. Questo collezionista scozzese tornò a Glasgow con la sua collezione di francobolli tra cui il One Cent Magenta.

Il One Cent Magenta ha cambiato proprietà diverse volte, vedendo sempre aumentare il proprio valore. Dopo aver raggiunto un prezzo record di 9,48 milioni di dollari nel 2014, è stato rivenduto per 8,3 milioni di dollari nel 2021.

ll Blue Boy

Il Blue Boy (letteralmente “ragazzo azzurro”) è un francobollo molto raro emesso nel 1847 dall’ufficio postale della città di Alexandria, nello stato americano della Virginia. Se ne conosce un solo esemplare. È stato trovato su una lettera inviata il 24 novembre 1847 da James Wallace Hooff alla sua fidanzata.
Poiché la loro storia d’amore era clandestina, lui le chiese di bruciare la lettera dopo averla letta. Jannett, la sua fidanzata, la nascose nella scatola del cucito. Fu ritrovata in seguito, per caso, dalla figlia che credette di fare un buon affare nel 1908 vendendola al prezzo di 3000 dollari. Nel 1981, il Blue Boy e la sua busta sono stati venduti per un milione di dollari dalla casa d’aste David Feldman.

Il Tre Skilling svedese

L’altro francobollo più raro del mondo. Il Tre Skilling svedese è stato emesso nel 1855. La sua caratteristica è il colore: bistro-giallo invece che verde. È stato trovato su una lettera circolata il 13 luglio 1857.
Il Tre Skilling è stato scoperto da un giovane collezionista tedesco di 14 anni mentre esaminava delle vecchie buste nella soffitta della nonna. È stato rivenduto a un commerciante di francobolli locale al prezzo di 7 corone.
Nel 1996 è stato venduto per 2.875.000 franchi svizzeri dalla Maison David Feldman. Ha nuovamente cambiato proprietà nel 2010, ma la somma della transazione è sconosciuta.

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.