Michel Pedrero, presidente dell'associazione APCPO "Las Abelhos" è lieto di presentare questo classico della filatelia americana. Il Blue Boy (letteralmente "ragazzo blu") è un francobollo molto raro emesso nel 1847 dall'ufficio postale della città di Alexandria in Virginia negli Stati Uniti.

Prende il nome dalla caratteristica che lo rende unico, il suo colore. È uno dei pochi francobolli ad essere sopravvissuto a questa rarissima emissione di francobolli provvisori del 1846, prodotta ad Alexandria, in Virginia. Ad oggi, sono note solo sette copie.
Il “Blue Boy” è l’unica copia stampata su carta blu, le altre sono su carta colorata. Emesso anche prima che il governo federale degli Stati Uniti emettesse francobolli, il Blue Boy è stato a lungo un’icona della filatelia americana. La busta affrancata con questo francobollo conteneva una volta una lettera che descriveva una storia d’amore proibita tra giovani amanti di diverse religioni che avrebbe dovuto essere bruciata all’apertura. Fortunatamente per i collezionisti di oggi, la giovane donna ha disobbedito a quest’ordine. Così il Blue Boy è oggi l’unico francobollo di questa emissione.

La storia del “Blue Boy” di Alexandria è stata scritta e raccontata così tante volte che sicuramente la maggior parte dei collezionisti conosce i dettagli a memoria.
Ispirandosi alla riforma postale britannica del 1840, che imponeva al mittente di un invio postale di pagare l’affrancatura, diversi ricevitori postali negli Stati Uniti decisero di stampare francobolli, il più delle volte validi solo all’interno del proprio stato.
Alexandria era una delle undici città che produceva francobolli per fornire ai suoi cittadini un modo conveniente per pagare le spese di spedizione in un’epoca precedente all’introduzione dei francobolli nazionali negli Stati Uniti il 1° luglio 1847.

Questi francobolli provvisori sono stati prodotti sotto la direzione del direttore delle poste Daniel Bryan. L’identità della tipografia che ha eseguito il lavoro non è nota. Tuttavia, voci dicono che possa essere stato Edgar Snowden, l’editore di “The Alexandria Gazette” i cui uffici erano vicini all’ufficio postale.

Il francobollo è rotondo. È stato stampato a coppie, da due immagini, in tipografia su carta blu o marrone. Queste due immagini non sono molto simili e sono classificate come tipo I e II. Entrambi i tipi sono conformi allo stesso disegno circolare generale, il cui bordo esterno è costituito da rosette che circondano in un cerchio più piccolo le parole «Alexandria * Post Office• *» con al centro del francobollo la parola orizzontale «Paid» e in basso la cifra «5».

Tuttavia, mentre il tipo I ha quaranta rosoni, solo trentanove ne compaiono sul tipo II, che si differenzia dal tipo I anche per la spaziatura della lettera e dell’asterisco. Tutti sono fatti a mano. Attualmente si conosce solo una copia del Blue Boy e sei su carta marrone. Essendo la produzione di due francobolli contemporaneamente, evidentemente deve essere esistito almeno un Blue Boy di tipo II.

L’unica copia nota di questo francobollo si trova sulla lettera sopra questo articolo.

L’esempio blu non è solo unico, ma è accompagnato da una romantica storia d’amore proibito che affascina i collezionisti da oltre un secolo.

Il 24 novembre 1847, il signor James Wallace Hooff usò il francobollo per inviare una lettera d’amore a Miss Jannett Hooff Brown a Richmond, Virginia. La sua famiglia era presbiteriana, la famiglia episcopaliana di Jannett.

Questi due piccioncini erano cugini di secondo grado, ma le loro famiglie avevano proibito loro di incontrarsi a causa di evidenti differenze religiose.

In un’imitazione del mondo reale di Romeo e Giulietta, gli occhi vigili delle rispettive famiglie hanno impedito ai giovani amanti, rispettivamente di 24 e 23 anni, di esprimere apertamente i loro sentimenti.

Erano costretti a corrispondere in segreto, ogni lettera furtiva costituiva una minaccia di scoperta. In questa lettera, James ha scritto:

“Le ragioni che date per non scrivere spesso sono buone. Ogni volta che pensi di potermi scrivere una riga senza suscitare l’attenzione di tuo cugino Wash, fallo, perché mi fa molto piacere ricevere una tua lettera, per quanto breve.”

Guidato dall’istinto dell’amore, ha proseguito dicendo:

“Mamma rideva e diceva: “Se c’era amore, mia zia Giulia era sicura di trovarlo”, e nel fare questa osservazione, credo che mi guardasse, ma io continuavo a leggere, come se quello che diceva non mi riguardasse affatto”.

Degna di nota è l’ultima riga della lettera di James Hooff, che afferma semplicemente:

“burn as usual” «Bruciala, come al solito».

Se Jannett avesse seguito le sue istruzioni, il Blue Boy di Alessandria sarebbe andato perso per sempre per tutta la filatelia. Tuttavia, per qualche ragione sconosciuta, Jannett ha scelto di non distruggere questa lettera e il francobollo è sfuggito a un fato infuocato. Le circostanze che hanno motivato la sua decisione di conservare questa lettera, e nessun’altra di tutta la loro corrispondenza, aggiungono solo un’aria incredibilmente misteriosa a ciò che già esiste, la più romantica delle lettere.

La corrispondenza segreta di James e Jannett durò per anni fino al 17 febbraio 1853, quando riuscirono a sposarsi e a crescere una famiglia di tre figli.

La loro unica lettera d’amore rimase nascosta fino al 1907, quando la loro figlia, di nome Jannett, la scoprì nascosta nella vecchia scatola da cucito della madre.

Lo trovò il 10 novembre 1907. All’epoca James Hooff era stato al servizio del governo a Washington per diversi anni. Viveva con la figlia nel principe S. Alessandrino, dove è stata trovata la lettera.

Il “Blue Boy” è molto più di un semplice francobollo. È una storia di amanti condannati. È un’icona filatelica che ha affascinato generazione dopo generazione, ed è un vuoto negli album di quasi tutti i collezionisti.

Appassionato di collezionismo di francobolli americani? Scoprite i francobolli americani in vendita su Delcampe!

 

Héloïse

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 commenti

  1. Avatar

    E’ indubbiamente un pezzo molto interessante ed importante per la storia postale degli U.S.A. quale vecchio filatelista “INCALLITO”, mi piacerebbe averlo, ma non rientra nei miei settori collezionistici, per cui preferisco destinare le mie risorse ad altri “pezzi”, specie se rientranti nelle mie tematiche più care.

  2. Bellissimo articolo e scoperta da parte mia di un fatto, che al giorno d’oggi, può sembrare banale, ma che visto all’epoca è stupendo per semplicità e profondità di sentimenti.
    Pur essendo appassionato di filatelia fin da ragazzo non avevo mai saputo di questa unica lettera e francobollo. Interessante.
    Grazie.