Lo sapevate che esistono dei francobolli che non sono legati a nessun territorio? È il caso dell’Ordine di Malta, che ha il diritto di emettere i suoi francobolli!

Il Sovrano Ordine di Malta è senza dubbio un soggetto di diritto internazionale pubblico molto particolare, dato che non dispone di un suo territorio propriamente detto. È comunque come uno stato che conia monete, emette francobolli, si autogestisce (anche con dei tribunali), fa parte di numerose istituzioni internazionali come le Nazioni Unite e la FAO. L’Ordine di Malta ha relazioni diplomatiche con un centinaio di stati e ha firmato una sessantina di convenzioni postali.

Un po’ di storia

L’Ordine di Malta nasce nel 1048. Conosciuto all’inizio come Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme, l’Ordine di Malta si insedia in un monastero con annesso ospizio a Gerusalemme: i membri di questa comunità curano i pellegrini, spesso indigenti e malati dopo lunghi tragitti in territori talvolta ostili. Il monastero porta il nome di San Giovanni l’Elemosiniere, da cui derivò il primo nome dell’Ordine.

L’Ordine dà assistenza a numerosi Crociati alla fine dell’XI secolo che si uniscono spesso agli Ospitalieri e con la spada e lo scudo si dicono pronti a servire “l’Ospedale”, il “Tempio” o ancora il “Santo Sepolcro”. Il papa approva la sua regola di vita nel 1113.

Il motto dell’Ordine di Malta è “Tuitio Fidei et Obsequium pauperum”, cioè “Protezione della fede e servizio ai poveri”.

Nel 1291 tutti gli ordini sono cacciati da Gerusalemme. L’Ordine ripiega su Cipro prima di stabilirsi sull’isola di Rodi, di cui diventa sovrano (comincia a battere moneta). Cacciato dai Turchi nel 1522, l’Ordine riceve da Carlo V nel 1530 l’isola di Malta. Il suo nome attuale deriva da quell’epoca.

L’Ordine è sovrano di Malta. Dispone di un esercito, di una flotta, gestisce la sua isola e dà la caccia ai pirati nel Mediterraneo.

Nel 1798 Napoleone Bonaparte attacca e conquista Malta. L’Ordine viene cacciato ed erra in Italia. Si insedierà ufficialmente a Roma nel 1834, dove possiede il Palazzo Magistrale e la Villa Magistrale sull’Aventino. Queste due sedi godono della “garanzia di extraterritorialità”. Questo significa che l’Ordine di Malta, nei suoi possedimenti, dipende solo dalle sue regole e non da quelle italiane.

L’Ordine di Malta è ancora oggi l’unico ordine riconosciuto dal Vaticano che non gli appartenga.

La filatelia dell’Ordine di Malta

In quanto Ordine Sovrano, l’Ordine di Malta può, al pari di tutti gli altri stati, battere moneta ed emettere i suoi francobolli. La prima emissione risale al 15 novembre 1966 ed è costituita da un insieme di 9 vignette bicolori piuttosto semplici che mettono in risalto alcuni simboli dell’Ordine.

I francobolli seguono la moneta dell’Ordine, cioè lo scudo o i tari e i grani (1 scudo = 12 tari = 240 grani).

Il valore facciale delle nuove emissioni è cambiato nel 2005. Da quell’anno, il valore dei francobolli è in euro. All’inizio, i francobolli dell’Ordine erano stampati da Tomas de la Rue a Londra. Attualmente sono prodotti presso Cartor Security Printing, in Francia.

 

 

Nel corso degli anni, le emissioni saranno sempre più numerose e metteranno in risalto i simboli e le insegne dell’Ordine, i costumi, alcuni celebri grandi maestri o, più spesso, quadri con immagini religiose e le missioni dell’Ordine… Ogni anno, un’emissione è dedicata a San Giovanni Battista, patrono dell’Ordine, e alla celebrazione del Natale.

 

Oltre all’Ordine stesso, altri paesi gli rendono omaggio emettendo francobolli con la sua effigie. La Germania, la Romania, il Camerun, il Gambia e molti altri, tra cui il Vaticano, hanno emesso dei francobolli con la celebre croce di Malta.

Potete acquistare questi francobolli su www.delcampe.net, il marketplace dei collezionisti.

Héloïse

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento

  1. Per parlare dell’Ordine di Malta, forse sarebbe stato opportuno utilizzare l’immagine di una decorazione dell’Ordine, e non quella di una delle tante organizzazioni imitatrici che nulla hanno a che vedere con il SMOM. Sarebbe bastato fare una rapida ricerca su internet per rendersi conto che le decorazioni dell’Ordine di Malta sono completamente diverse da quella con nastro rosso che avete inserito nell’articolo.
    Per completezza, inoltre, occorre precisare che i francobolli delle prime emissioni SMOM furono stampati presso la tipografia Staderini di Roma, e non presso la De la Rue di Londra, che si limitò ad incidere le lastre calcografiche, poi inviate in Italia per la stampa delle carte-valori. Ed ancora, attualmente i francobolli SMOM sono prodotti da diverse stamperie, e non solo da quella francese da voi citata.