Sapevate che questo strumento presente nelle case di ogni famiglia è stato brevettato non meno di 300 volte? Ci sono migliaia di modelli di cavatappi che lo rendono un eccellente oggetto da collezione!

Cavatappi di ieri e di oggi!

Sapevate che questo strumento presente nelle case di ogni famiglia è stato brevettato non meno di 300 volte? Ci sono migliaia di modelli di cavatappi che lo rendono un eccellente oggetto da collezione!

La storia del cavatappi

Come probabilmente saprete, il vino esiste da migliaia di anni. Viene citato in scritti che risalgono all’antichità, tra gli altri. D’altra parte, i contenitori si sono evoluti molto nel tempo. La storia del cavatappi è per definizione legata a quella del sughero e della bottiglia.
La bottiglia è stata un grande passo avanti nella storia del vino perché ha permesso un invecchiamento sicuro e ha reso molto più facile il suo spostamento.
Per chiudere le bottiglie, il primo procedimento utilizzato è un sistema di tasselli di legno imbottiti con olio di quercia imbevuto di olio, tutti sigillati con cera. Questo sughero d’epoca poteva essere rimosso con un cordone fisso, ma mostrava alcuni punti deboli. Questo sistema è stato sostituito dal famoso sughero che conosciamo oggi e che ha portato la necessità del cavatappi.
Il primo riferimento scritto al cavatappi risale al 1681 come verme d’acciaio. Tuttavia, è solo 100 anni dopo che il primo brevetto del cavatappi fu depositato dal reverendo Samuel Henshall, un inglese, nel 1795.

Vari sistemi ingegnosi per rimuovere i tappi di sughero

Il principio primario per la rimozione dei tappi di sughero gioca sul principio dello stoppino inserito. Secondo varie fonti, il cavatappi è stato ispirato dal cava-armi, uno strumento che veniva utilizzato per ripulire i cannoni o le armi intasate dai residui di polvere. Partendo da questo presupposto, è probabile che i primi cavatappi siano stati realizzati da produttori di armi.
Molto rapidamente, il gambo del cavatappi ha acquisito la sua forma di coda di maiale che ha permesso di avere un maggiore sostegno all’interno del sughero. Con il passare degli anni, l’apparato si è perfezionato offrendo vari metodi per stappare le bottiglie.
Il cavatappi a T: probabilmente il più antico dei sistemi che conosciamo. Si tira dopo aver spinto l’elica nel sughero.
Il “Walker Bell”: uno dei primi cavatappi americani che spinge la bottiglia verso il basso mantenendo il tappo e facendola uscire.
Il cavatappi da sommelier: gioca sull’effetto leva ed è grande come un coltellino tascabile. Lo dobbiamo all’inventore tedesco Carl F.A. Wienke nel 1882.
Il cavatappi alato: noto anche come cavatappi “Charles de Gaulle”, brevettato dal signor Heely (di cui porta ufficialmente il nome) nel 1888.
Il Screwpull: depositato da Herbert Allen nel 1979 il cui primo esemplare è esposto al MoMa di New-York! E tra i cavatappi moderni, il cavatappi elettrico che stappa le bottiglie con un semplice click e l’ultimo nato, il Coravin che usa una siringa e gas inerte.

Cavatappi da collezione

Il collezionista di cavatappi o elitista (o pomellofilo) ha molti modi per raccoglierli: per modello, per marca, per periodo… Ecco una piccola selezione dei tanti bellissimi cavatappi che potete trovare su Delcampe.

 

 

 

 

 

Héloïse

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento

  1. LAMPADE PER MINATORI DA IMPIEGARE NELLE MINIERE DI CARBONE E METALLI .
    Sono oggetto di febbrili ricerche per incrementare la propria collezione