Avete sentito che un’edizione originale di Hergé è stata venduta a più di 10.000 euro a un’asta? ... Che sogno! Ma prima di proporre gli album di fumetti su Delcampe o ad un’asta è importante sapere se quella che avete davanti è davvero un’edizione originale...

Che cosa indica il termine “edizione originale”?

La definizione “edizione originale” si applica alla prima stampa di un album. Nel caso di Tintin, il numero di edizioni non si conta nemmeno più, perché ce ne sono davvero tantissime! Quando viene pubblicato un album di fumetti, la prima tiratura (prima edizione) è stabilità dall’editore in funzione delle informazioni raccolte dai commerciali nei diversi punti vendita (librerie, supermercati, ecc.). La tiratura, secondo l’album e il successo sperato, va in generale dalle 3000 alle diverse centinaia di migliaia di copie. È evidente che il numero 1 di una nuova serie disegnata e sceneggiata da sconosciuti non avrà la stessa tiratura di un nuovo album di Asterix!

Ma torniamo alle nostre edizioni originali. Molti collezionisti di fumetti non si accontentano di acquistare una copia di un album di fumetti al supermercato vicino a casa. Vogliono l’edizione originale e sono pronti a pagare. Ma lo faranno solo se l’album in questione è in ottimo stato. Per esempio, l’edizione originale di un album di Tintin in pessimo stato (molto rovinata, con pagine strappate) potrà essere venduta a pochi euro, mentre nuova ne varrebbe 10.000!

Alcuni suggerimenti per riconoscere un’edizione originale

Per capire se siete o meno di fronte a un’edizione originale, il criterio più semplice è quello di guardare il copyright dell’album. In genere lo trovate alla pagina 2 o alla fine dell’album. Riporta i dati della casa editrice e il numero ISBN, che è un codice unico identificativo di ogni album. Può essere considerato come un numero nazionale. C’è anche il deposito legale e quasi sempre, il numero dell’edizione. Se trovate scritto “prima edizione”, questa è per voi una buona notizia!

 

 

Oggi, le case editrici che hanno ben compreso l’interesse dei collezionisti lo indicano sempre, ma in passato non era così. Per gli album più vecchi, il copyright indica però l’anno di stampa. Prendiamo l’esempio dell’album “Le lutin du bois aux roches”. La data indicata nel copyright è il 1976. Cercando su Internet, troverete subito che l’album è stato pubblicato nel 1956. È evidente che non vi trovate davanti alla prima edizione.

Volete sapere cosa valgono queste edizioni o avete voglia di avere maggiori informazioni su ciò che esiste?

Vi sarà d’aiuto il catalogo BDM, che viene aggiornato ogni anno. Tuttavia, come nel caso di molti altri cataloghi, tende a gonfiare i prezzi. Un sito di vendite come Delcampe vi permetterà facilmente di avere un’idea più realista della quotazione; quando guardate gli oggetti venduti potrete identificare con facilità un fumetto dello stesso tipo del vostro e vedere a quanto è stato realmente venduto.

Héloïse

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Un commento

  1. Molto interessante, grazie.