Attrazione turistica internazionale famosissima, il Louvre è oggi il museo più visitato del mondo! Merita certamente soffermarsi un po’ sulla sua storia!

La parola Louvre deriva da un sostantivo latino che significa lupaia. Nel punto in cui oggi è situato il museo, un tempo si trovava un luogo che custodiva tutto ciò che serviva per dare la caccia ai lupi.

Sotto il regno di Filippo Augusto, alla fine del XII secolo, cominciò la costruzione di una fortezza destinata al proteggere la città di Parigi. Il castello era ovviamente molto diverso dalla costruzione che noi tutti conosciamo oggi. I re di Francia e i loro architetti del XVI e XVII secolo modificheranno completamente e ingrandiranno la fortezza medievale.

Bisogna dire che se il castello dapprima era destinato a proteggere Parigi, a partire dalla seconda metà del XIV secolo, sotto il regno di Carlo V, divenne residenza reale. Ed è proprio questo re che per primo fa del Louvre un luogo di elezione per la cultura francese, trasferendovi più di 900 manoscritti della sua biblioteca. Ma a quell’epoca, il Louvre era conosciuto soprattutto come la sede dell’autorità del re: numerosi feudi dipendevano dalla “grande
torre del Louvre”.

Il Louvre manterrà lo status di residenza reale fino alla Rivoluzione francese. A partire da Francesco I e fino a Luigi XIV, i re di Francia e i loro architetti lavoreranno per ingrandire e rinnovare il Louvre, che diventerà uno dei simboli del Rinascimento francese. Il Louvre vedrà continuare la sua costruzione fino al 1779, con qualche stop di alcuni anni a causa di conflitti vari.

Sotto il regno di Luigi XIV, la residenza reale passa a Versailles. Per il Louvre inizia una nuova vita, più culturale. Dal 1672, diventa la sede di diverse accademie e artisti: l’Académie française, l’accademia della pittura, della scultura, quella di architettura … Questa nuova identità culturale permetterà al Louvre di essere risparmiato dalla Rivoluzione francese.

Nel 1789, il conte di Angiviller propone il progetto del museo. Dopo la Rivoluzione, gli Stati generali portano avanti il progetto, aggiungendovi le collezioni confiscate al clero. Napoleone I va a vivere al Palais des Tuilleries e continua a finanziare il cantiere del Louvre. In questo periodo migliorano in particolare le ristrutturazioni realizzate all’interno del Louvre.

Il palazzo del Louvre come lo conosciamo oggi (ad eccezione della piramide, naturalmente), sarà terminato in tempo per l’Esposizione universale del 1855. L’inaugurazione ufficiale, tuttavia, avrà luogo due anni dopo, il 14 agosto 1857, alla presenza di Napoleone III.

Il nuovo Louvre, sognato come la Mecca dell’Intelligenza da Victor Hugo, nasce nel 1889. Oltre all’attività di museo, il Louvre ha ospitato per molti anni alcuni uffici amministrativi, in particolare il Ministero delle Finanze fino al 1989.

Gli ultimi grandi lavori fatti al museo del Louvre risalgono alla presidenza di François Mitterrand. È infatti in quel periodo che il Louvre aggiunge la piramide di vetro nel mezzo del cortile Napoleone.

 

Oggi il Louvre accoglie più di 10 milioni di visitatori all’anno, un quarto dei quali francesi, è ricchissimo di tesori culturali: la Gioconda, la Nike di Samotracia, la Zattera della Medusa … Le opere dei più grandi artisti del mondo, che siano pittori o scultori, vi riempiranno gli occhi in questo palazzo che da solo merita una visita!

Scopri le cartoline del Louvre in vendita su Delcampe!

Héloïse

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.