Sono numerosi i collezionisti che si appassionano ai primi francobolli di Mauritius. Sono infatti tra i francobolli e le lettere più ricercati al mondo. In questo articolo vi presentiamo le lettere di Mauritius che fanno sognare i collezionisti.

Questi francobolli con un valore facciale di un penny e 2 pence sono stati stampati nel 1847 con lastre incise da Joseph Banard. Recano l’effigie della regina Vittoria di profilo, secondo il modello dell’One Penny Black.

Poiché la stampa doveva essere fatta francobollo per francobollo, fu fermata subito e non vi fu più nessuna ristampa dei francobolli. La tiratura di base è quindi molto limitata. Questa mitica piastra è stata rivenduta dalla casa d’aste David Feldman nel 2016 al prezzo di € 1.230.000 e fa parte ora della collezione di un anonimo appassionato.

A partire dal 1897, questi francobolli sono vere chimere per i filatelisti. A quell’epoca se ne contano solo 17 e raggiungono già prezzi stratosferici. Sono stati tutti ritrovati in Francia e a Mauritius.

Dal 2006, se ne conoscono 27 esemplari.

 

Lettere che sono entrate nella storia della filatelia.

Oltre ai singoli francobolli, che sono estremamente rari e che raggiungono valori molto elevati, esistono anche le lettere affrancate e spedite con questi francobolli.

Tre lettere di invito a un ballo

L’emissione dei francobolli coincide con un ballo dato a Mauritius. Gli inviti a questa festa erano affrancati. La maggior parte delle buste sono andate evidentemente perse o distrutte. Ne sono state trovate tuttavia tre con un francobollo isolato da 1 penny. Una di queste lettere è stata venduta nel 2007 per la somma di un milione di euro!

 

La lettera di Bombay

Questa lettera ha due francobolli da 1 penny perfetti, cioè sono del colore giusto, sono centrati, ecc. La lettera porta il nome di Bombay perché fu scoperta in un bazar di quella città alla fine del XIX secolo da un impiegato delle ferrovie che si chiamava Charles Howard. La lettera era stata inviata dal reverendo Langrish Banks che lavorava a Mauritius per conto della British Foreign Bible Society. Il destinatario era Thomas Jerrom Esquire, segretario della Society a Bombay. La lettera e i francobolli sono stati obliterati il 4 gennaio 1850, cioè 3 anni dopo la stampa dei francobolli. La spiegazione più probabile della tardiva obliterazione è che probabilmente erano stati dimenticati e poi ritrovati da Banks.

Il direttore delle poste dell’epoca, un certo James Stuart Brownrigg, lo conosceva certamente. Infatti, Charles Brownrigg, fratello di James, aveva sposato Rosa Matilda Fyers, la cui sorella Louisa era la moglie del reverendo. Inoltre, i matrimoni delle due sorelle erano avvenuti lo stesso giorno. È quindi probabile che Langrish Banks abbia ricevuto i francobolli da James Stuart Brownrigg e, non essendo né sentimentale né filatelico, li avesse utilizzati qualche anno dopo.

Charles Howard acquista dunque la lettera per 5 rupie in un bazar di Bombay. Un anno più tardi la rivende a W.H. Peckitt al prezzo di £ 1600. Lo stesso anno, il filatelista la rivende a Vernon Roberts per £ 1800, prima di riacquistarla lui stesso per £ 2000 nel 1905 e rivenderla l’anno successivo per la somma di £ 2200 al signor Worthington, che a sua volta la rivende ad Alfred Lichtenstein nel 1917. Il francobollo rimarrà in famiglia dopo la morte del filatelista e sarà rivenduto dagli eredi nel 1968 in un lotto da collezione. In quel periodo, la lettera da sola viene valutata $ 380.000! Il suo proprietario, Raymond H. Weill Co. la conserva fino al 1990, anno in cui verrà acquistata dal dottor Chan Chin Cheung. Nel 1996 sarà rivenduta a Guido Craveri (Private Sale) e arriverà nel 2007 nella collezione di un anonimo filatelista. Cambierà un’ultima volta di mano nel 2016 grazie al lavoro di David Kopriva e della casa d’aste David Feldman, diventando di proprietà di un collezionista ceco anonimo, che l’ha acquistata a € 2.400.000.

La lettera di Bordeaux

Anche questa lettera è eccezionale, forse più di quella di Bombay. Presenta i francobolli di Mauritius n. 23 e 24, cioè un esemplare di ciascuno dei due. Questa lettera fu inviata ai commercianti francesi di vini Ducau & Lurguie. Fu spedita il 4 ottobre 1847 con destinazione Bordeaux. Partita in nave, arriverà a destinazione il 28 dicembre 1847. Nel 1902 la lettera viene ritrovata da uno studente tra la corrispondenza dei commercianti.

Fu venduta a TH. Lemaire nel 1903 al prezzo di £ 1600, quindi rivenduta lo stesso anno a Brunet de l’Argentière al prezzo £ 1800. È quindi Alfred Lichtenstein che diventa proprietario delle due lettere, acquistandole nel 1917 con la collezione di Brunet de l’Argentière. La rivendette 5 anni più tardi al famoso filatelista Arthur Hind. Fu quindi nuovamente venduta nel 1934 a Maurice Burrus, che la passò al figlio. Rimase in famiglia fino al 1963, anno in cui fu acquistata da Raymond H. Weil Co. Poiché preferivano la lettera di Bombay, fecero uno strano accordo con il filatelico Kanai: se quest’ultimo non avesse rilanciato il prezzo per la lettera di Bombay e loro fossero riusciti a ottenerla in una vendita all’asta, gli avrebbero rivenduto lettera di Bordeaux al prezzo a cui avrebbero acquistato la lettera di Bombay. E così avvenne. Hiroyuki Kanai acquistò la lettera di Bordeaux nel 1968 pagando 120 milioni di yen.

Fu in seguito rivenduta nel 1993 tramite la casa d’aste David Feldman al prezzo record di 6.123.750 franchi svizzeri a un collezionista tedesco che ne è ancora attualmente il proprietario.

Un’altra lettera di Bordeaux

Ai commercianti di vini Ducau & Lurguie di Bordeaux era stata inviata un’altra lettera. Ha un solo francobollo da 2 centesimi, con un frammento strappato sul lato sinistro dalla “O” di OFFICE; è obliterato in basso a sinistra. Sul retro della lettera ci sono i seguenti segni: COLONIES &C ART. 13 nel rettangolo. Come l’altra lettera, anche questa fu trovata da uno studente francese in una ricerca tra la corrispondenza del commerciante di vini. Fu acquistata nel 1903 da Th. Lemaire al prezzo di £ 1200, quindi rivenduta lo stesso anno a P. Kosack per £ 1400.

Nel 1904, il Museo della posta di Berlino ha acquistato la lettera per l’equivalente di 35.000 franchi svizzeri. Con altri sette francobolli, è stata messa in cornice, sotto vetro.

Nel 1943, per essere preservata dai bombardamenti, la cornice viene depositata presso la Reichsbank di Berlino. Tuttavia, per evitare qualsiasi rischio, viene nascosta in una miniera di potassio nei pressi di Eisleben. Poco tempo dopo diventa proprietà di Dennis Sweeney, un capitano americano che tenta di rivenderla tramite Robson Lowe. Quest’ultimo contatta l’Interpol. La Germania infatti la reclama. Nel 1977, Sweeney la consegna a un agente doganale americano. Dal 1990, la cornice è stata restituita alla Germania riunita ed è esposta al museo di Bonn.

Potremmo parlare ancora a lungo dei francobolli e delle lettere di Mauritius perché hanno una storia molto interessante e fanno ormai parte dei pezzi chiave della filatelia. I famosi Post Office sono stati seguiti da numerosi altri francobolli che sono in vendita su Delcampe.

 

Ringraziamo la casa d’aste David Feldman, i signori Patrick Maselis e David Kopriva per l’aiuto prezioso nella ricerca delle informazioni contenute in questo articolo.

 

Héloïse

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.