La filatelia islandese è strettamente legata alla storia del paese. Piccola isola dell'Atlantico, confinante con la Norvegia, la Groenlandia, la Danimarca e le isole Faroe, il suo nome significa "terra di ghiaccio". I suoi 103.000 chilometri quadrati ospitano numerosi vulcani.

Le prime tracce di occupazione dell’Islanda risalgono al IX secolo, quando l’isola fu colonizzata dai Vichinghi. Da quel momento in poi, l’Islanda fu popolata da norvegesi, che lasciarono il loro paese per sfuggire alla guerra. Nel 930, per avere una politica comune, l’Islanda creò l’Althing, il più antico parlamento del mondo. Fino al XIII secolo, il popolo islandese si autogestì e si convertì al cristianesimo. Purtroppo, nel XIII secolo, gli abitanti litigarono a tal punto che l’Islanda non riusciva più a gestirsi da sola. Nel 1262, l’Islanda divenne una colonia del Regno di Norvegia.
Nel 1536, l’isola passò sotto il dominio danese. La popolazione diventò più povera. Tuttavia, per tre secoli, questo dominio danese non sembrava essere un problema. Fu verso la metà del XIX secolo che la popolazione islandese lottò per la sua indipendenza. Tuttavia, non fu fino alla fine della Prima guerra mondiale che l’Islanda ottenne di nuovo un certo grado di autonomia. L’isola fu riconosciuta come indipendente, ma il suo sovrano rimase il re di Danimarca. Solo nel 1944, alla fine della Seconda guerra mondiale, l’Islanda divenne una repubblica completamente indipendente.

Quando i primi francobolli apparvero nel mondo (1840), l’Islanda era ancora sotto il dominio danese. Pertanto, i francobolli danesi apparvero sul suolo islandese già nel 1851.

Nel 1873, l’Islanda ricevette il permesso dalla Danimarca di emettere i propri francobolli. Il loro design è molto simile a quello danese ma riporta la dicitura “Island”.

Nel 1876 fu emessa una nuova serie. Questa volta, i valori nominali erano in valuta islandese, Aurars, al contrario della prima serie in valuta danese, Skilling.

 

Nel 1920, due anni dopo la sua indipendenza, l’Islanda emise i suoi primi veri francobolli. Tuttavia, dovevano portare l’effigie del re Cristiano X di Danimarca, che era ancora il sovrano dell’isola. Fu emessa una serie di 11 francobolli con valori facciali che vanno da 1 a 50 Aurar.

Nel 1925, una serie più nazionalista mostra paesaggi ed edifici tipici islandesi. Il movimento indipendentista divenne sempre più forte.
Solo 20 anni dopo, nel 1944, l’Islanda dichiarò la sua piena indipendenza. Oggi, l’Islanda come paese ha una propria filatelia, in gran parte ispirata dai particolari paesaggi di questa isola unica.
Eppure la collezione filatelica dell’Islanda sta per finire. Nel maggio 1920, la posta islandese annunciò la chiusura del suo dipartimento filatelico. Gli ultimi nuovi francobolli dell’Islanda sono stati emessi all’inizio del 2021. Attualmente, l’ufficio postale sta smaltendo il suo grande stock di francobolli per affrancare la posta, ma non vuole continuare questa attività.

Scopri di più sui francobolli islandesi in vendita su www.delcampe.net

Avatar photo

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.