La collezione di etichette di formaggi si chiama “tyrosemiophilia” (italianizzata in “tirosemiofilia”). Tra i formaggi collezionati, la fa da padrone il Camembert. Forse grazie alla sua scatola rotonda in legno che si presta particolarmente a questa passione. Scoprite le belle illustrazioni che vi proponiamo, alcune delle quali permettono di svelare diversi momenti particolari della sua storia.

Il più famoso: il Camembert di Normandia

Formaggio fatto con latte crudo prodotto e trasformato in Normandia, il Camembert di Normandia, dal 1982 è un formaggio a denominazione di origine controllata per il suo gusto inimitabile.
Secondo la leggenda, l’idea venne a una contadina del villaggio di Camembert, Marie Harel (Fontaine era il suo nome da ragazza) alla fine del XVIII secolo.
Gli eredi della signora Harel hanno continuato a far fruttare la sua produzione e il formaggio è diventato una delle star della regione normanna.
All’inizio, il formaggio era confezionato su un letto di paglia, ma la scelta si rivelò poco adatta ai trasporti lunghi. Alla fine del XIX secolo, i produttori di Camembert adottano definitivamente la
scatola in legno di pioppo rotonda che conosciamo ancora oggi.
Anche le prime etichette del formaggio risalgono a quel periodo. Molto rapidamente, il business del Camembert invade la regione. Per proteggere il formaggio che li rende famosi, 53 casari creano il Sindacato dei produttori del vero Camembert di Normandia!

1001 illustrazioni di etichette di Camembert

Dalla bella contadina alla vacca normanna, passando per monaci, mulini e altri motivi, gli artigiani sfoderano la loro creatività per realizzare etichette che ancora
oggi fanno la felicità dei collezionisti! I prezzi su Delcampe vanno da alcuni centesimi a diverse centinaia di euro, secondo la rarità e le condizioni delle etichette.

Il Camembert, un formaggio patriottico

Molte etichette di Camembert sono legate alla Prima guerra mondiale. E a ragion veduta, perché la Grande guerra ha avuto un impatto enorme sulla fama di questo formaggio.
È infatti la Prima guerra mondiale che fa conoscere il Camembert in tutta la Francia. La ragione di questa notorietà è la mobilitazione dei produttori di formaggi normanni. Nel 1917, secondo il libro “Il Camembert, mito francese” di Pierre Boisard, il produttore Louis Serey propone agli altri membri del Sindacato dei produttori del vero Camembert di Normandia di donare una giornata di produzione all’esercito francese. La proposta viene accettata.
I produttori di Camembert riescono a far introdurre il loro formaggio nei magazzini centrali dell’esercito. Molto rapidamente, il Camembert entrerà a far parte della razione del fante che mangia, nelle trincee, il buon formaggio normanno.

In un primo tempo, diversi produttori di Camembert decorano le scatole con immagini patriottiche. Ritratti di fanti, colori della bandiera francese: non indietreggiano davanti a nulla per mostrare l’orgoglio nazionale. Bisogna sapere anche che durante il periodo bellico privilegeranno gli approvvigionamenti del fronte a scapito delle retrovie.
E il patriottismo garantirà loro ottimi profitti. Innanzi tutto, promuove la loro immagine davanti ai consumatori, ma il Camembert diventa anche, per gli ex soldati, una sorta di madeleine proustiana. Lo spuntino atteso e confortante entra nelle case e non le lascerà più.

Su Delcampe sono in vendita migliaia di etichette di formaggi.

 

Scritto da Héloïse

Rispondi

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.